Moira Tips

Blog dove troverai utili consigli per AFFITTARE CASA ai turisti con i BOOKING online (Airbnb, VRBO, TripAdvisor...). Troverai IDEE per un VIAGGIO AUTONOMO, VACANZE ALLE CANARIE e molto altro. Vedi gli argomenti sul Menu.

SITI PER AFFITTARE CASA VACANZE A STRANIERI

Quali siti per affittare casa vacanze a stranieri

I migliori siti per affittare casa vacanze a stranieri sono Booking, Airbnb e VRBO. Questi 3 portali, sono i siti migliori dove promuovere case vacanze sia in Italia che all'estero, i più noti, consultati e visitati dai turisti di tutto il mondo, in cui pubblicare gratuitamente un annuncio per promuovere un appartamento ai viaggiatori.

SITI PER AFFITTARE CASA VACANZE A STRANIERI
Migliori siti per affittare casa vacanze a stranieri

Se vuoi approfondire l'argomento "affitti brevi", ti suggerisco di acquistare la mia guida in vendita su Amazon, aggiornata di anno in anno. Accessibile a chiunque, costa come 3 caffè, i contenuti sono numerosi e le informazioni pratiche: vedi sommario capitoli e leggi l'estratto.

dove posso pubblicare una casa vacanza
La mia guida digitale, la puoi leggere su qualsiasi dispositivo: PC, tablet o il tuo smartphone, scaricando l'app a questa pagina.

Vediamoli nel dettaglio:

VRBO

sito VRBO

Sito di case vacanze per Americani, neozelandesi, francesi

Il sito di casa vacanze più popolare in America (USA) è Vacation Rentals by Owner più conosciuto con l'acronimo VRBO. 

VRBO ha una visibilità internazionale, pubblicando un annuncio su questo sito, sarai visibile su altri portali come Homelidays, Abritel, per attirare turisti francesi, e FeWo direkt, per attirare turisti tedeschi, Bookabach.co.nz (turisti neozelandesi), Stayz.com.au (austriaci).


Siti gratuiti per affittare casa VRBO


I pagamenti sono gestiti dal sito e i soldi dell'affitto, una volta che l'ospite ha finito il suo soggiorno, ti verranno accreditati sul conto corrente che indicherai. 

Approfondisci: 




DRITTA: Se hai un annuncio sul vecchio Homeaway Italia che non converte più, valuta di cancellare l'account e aprirne un altro su VRBO MA scrivi l'annuncio SOLO in inglese, pensato per un pubblico internazionale. 

Se non hai difficoltà con l'inglese, ti suggerisco di inserire un annuncio sul portale più consultato dai "British": homeaway.co.uk (un "must" se affitti in una località con molti turisti inglesi) in modo che anche il layout del sito sia ottimizzato per quel pubblico. Stesse condizioni contrattuali e commissioni della versione italiana.


I turisti italiani, quando cercano un alloggio, usano di più Airbnb e Booking, ma all'estero VRBO è più consultato per cercare case vacanze in Italia. Quindi, se vuoi attirare turisti stranieri non ti resta che mettere casa su VRBO tanto non costa nulla, paghi solo se affitti altrimenti niente è dovuto.

Guarda le prenotazioni che ho ricevuto quando ho ottimizzato l'annuncio solo in inglese (prenotazioni da un francese, un inglese e un tedesco). Prova non ti costa nulla, è gratuito. 

affittare case vacanze ai russi e tedeschi
Affittare casa a turisti tedeschi, francesi, russi...

Airbnb 

Come pubblicizzare casa vacanze su Airbnb

Il primo sito che consiglio a chi vuole promuovere una casa vacanze è Airbnb. Questo portale è uno dei pochi in cui è possibile pubblicizzare alloggi inusuali come case sull'albero, letto in roulotte, posto in barca... ma anche appartamenti privati o stanze. Per capire come pubblicizzare casa su Airbnb, approfondisci a questa pagina:

- Come fare self check-in quando non puoi aspettare i tuoi ospiti.

Booking

Come Affittare casa vacanze su Booking
Booking.com è il miglior sito per affittar camere di hotel, Agriturismo, Affittacamere, B&B. Il proprietario della casa vacanza paga una commissione del 15% / 18% che verrà decurtata dell'importo della prenotazione. 
Per capire come pubblicizzare casa vacanze su Booking, approfondisci a questa pagina:

MisterBNB

Uno  altro dei siti meno noti per affittare case vacanze gratis, nel senso che puoi inserire un annuncio senza pagare, è MisterBNB: miglior sito per case vacanza per il mondo gay lesbo.

I MIGLIORI SITI PER PUBBLICIZZARE CASA VACANZE

Ho voluto testare il portale dedicato agli affitti per gli omosessuali inserendo il mio alloggio a Gran Canaria per alcuni mesi nel 2016. Considerando che Playa del Ingles è il fulcro della vita notturna del mondo gay, ho pensato di poter ampliare la mia clientela.

All'inizio non mi era chiaro se il portale fosse esclusiva per i Gay, essendo eterosessuale non volevo creare nessun equivoco, o violare la politica del sito, per cui ho contattato l'assistenza clienti di Misterbnb.
Mi hanno confermato che l'identità sessuale dell'host è indifferente purché non abbia problemi ad ospitare coppie di omosessuali. Bè... se compri casa a Gran Canaria non puoi avere certi limiti 😎

siti per affittare case vacanze a stranieri

L'esperimento NON ha funzionato nel mio caso: l'appartamento di una donna etero non acchiappa su questo sito. 
Chi ha più successo su questa piattaforma è omosessuale per cui, se questo fosse il tuo caso, potresti unire l'utile al dilettevole guadagnandoci pure. Tuttavia il portale si è evoluto in tal senso e oggigiorno è più facile farsi notare anche se non si fa parte del mondo LGBT. 

VANTAGGI di mettere casa Su MisterB&B:
Pochi concorrenti. Ci sono pochi annunci in Italia per cui la visibilità è enorme.
Approfondisci 👉 Come iscrivere una struttura su Misterb&b  
 

Promuovere appartamento vacanze su Resido

Qui di seguito altri siti per promuovere un appartamento vacanze a stranieri, meno conosciuti, ma da valutare. Uno di questi, utile per promuovere un appartamento vacanze, è Resido.  Promuovere casa su resido NON è gratuito, costa circa 99€ all'anno.

Resido.it è la versione italiana della più nota piattaforma tedesca di case vacanza che da 12 anni mette in contatto locatori e locatari: Ferienhausmiete.de.

Ho inserito un annuncio sul portale tedesco nel 2016 (non conoscevo la versione italiana).
Premetto che non conosco una parola di tedesco e ho inserito l'annuncio in inglese.
Nonostante questo aspetto ho ricevuto diverse richieste di informazioni e numerosi contatti tutti rigorosamente da tedeschi. Menomale che esiste Google Traduttore altrimenti non capirei che mi scrivono. 😓

Resido
affittare casa vacanze a stranieri su resido

Nella foto: Visibilità e richieste ricevute durante l'anno di abbonamento (in estate ho messo off line l'annuncio).

Inserire casa su Ferienhausmiete.de NON è gratuito: costa 99€ all'anno.
Mettendo casa su uno di questi portali si appare su 8 siti internazionali tra cui:
  1. ferienhausmiete.de 
  2. tourist-paradise.com
  3. resido.fr
  4. resido.es
  5. resido.it
  6. vakantiehuisnu.nl
  7. domy-letniskowe.com
  8. resido.hr
Quindi visibilità del tuo annuncio in Germania, Francia, Spagna, Italia, Olanda, Croazia, Polonia e Inghilterra.

Finiti i 12 mesi, l'annuncio verrà sospeso a meno che tu non voglia rinnovarlo. Nessun rinnovo automatico dell'abbonamento.

Pagando l'abbonamento annuale non avrai nessuna commissione sull'affitto - 100% del guadagno è tuo.
Se imposti 50 € al giorno quelli prederai. Potrai gestire le richieste come più preferisci. I contatti del turista saranno subito visibili per contattarlo anche fuori dalla piattaforma, direttamente.

PER CHI È INDICATO:

Mi sento di consigliare Ferienhausmiete.de se mastichi un po' di tedesco e ti interessa promuovere il tuo immobile in Germania, in primis... se invece  preferisci scrivere e comunicare in italiano, allora ti suggerisco di inserire l'annuncio su Resido.it avrai più visibilità in Spagna e Italia oltre che apparire sugli altri portali partner.

Indicato per chi NON ha un proprio sito in quanto può essere utilizzato come pagina per promuovere il proprio alloggio, o quello sei tuoi clienti se sei un intermediario o agente immobiliare.
Altri siti per affittare casa ai tedeschi: Casamundo.de- Ferienwohnungen - Ferienhaus.

Affittare casa con TripAdvisor Rental 

Tripadvisor Rental include: Flipkey, Niumba, Holiday Lettings, HouseTrip


Purtroppo devo bocciare il colosso Tripadvisor: da quando ha riunificato tutti i siti sotto la sua ala, io non ho più ricevuto prenotazioni.

Incredibile da crederci ma io, all'inizio della mia "carriera" da host lavoravo solo con Holiday Lettings: un sacco di prenotazioni da inglesi.

L'unico consiglio che mi sento di darti, se vuoi comunque inserire il tuo alloggio su questo portale, è di NON inserirlo su Tripadvisor ma di inserirlo su Niumba (visibilità spagnola) o su Holiday Lettings (visibilità inglese). 

Homestay

Homestay è un sito minore ancora poco conosciuto in Italia ma... ha una caratteristica interessante! Puoi cercarti i tuoi clienti!
Homestay ha una pagina chiamata "Trova gli ospiti" in cui persone interessate a trovare un alloggio scrivono in vetrina le loro esigenze. 

"Voglio stare 5 notti a Roma dal 5 al 10 Settembre e il mio budget è di 45 euro a notte". 

Se tu hai casa a Roma e vedi il mio annuncio, la cifra ti sta bene, mi puoi contattare per concludere l'affare. Fantastico vero? 
MIGLIORI SITI PER affittare CASA VACANZE

Non devi aspettare il cliente ma solo andartelo a prendere. 💪😉

Questa opzione è ancora più utile se ti sono rimasti periodi liberi tra un ospite e l'altro o vuoi fare offerte Last Minute.

Sto ancora approfondendo le conoscenza di questo portale... in alcuni punti è che è abbastanza innovativo rispetto agli altri. Staremo a vedere se l'idea funziona. 
Vai alla homepage di Homestay



CaseVacanza

Per promuovere casa ai turisti italiani. Annuncio gratuito o con abbonamento. Personalmente ho chiuso l'account trovandolo poco performante.

Tuscany Villas

Per promuovere una villa, o un casale in Toscana all'estero.

Dogsincluded

Sito per turisti che viaggiano con i cani.
Miglior sito per affittare case vacanza specifico per turisti che viaggiano con i cani. Per il momento solo in olandese.

MediaVacanze

Per affittare casa in Italia, a pagamento da 89€ l'anno. Non l'ho mai provato per cui non posso recensirlo.

Wimdu

Wimdu un altro sito in cui pubblicizzare appartamenti vacanza di privati. 


Non importa se il tuo obiettivo è arrotondare lo stipendio, guadagnare 1000 euro all'anno, affittando il divano di casa tua, o se vuoi guadagnare molto di più.

Non importa se la tua è un'attività occasionale o un lavoro, l'importante è sapere cosa stai facendo, partire informato e usare i giusti strumenti.
È necessario stare sul pezzo, adottare una mentalità flessibile e internazionale imparando ad usare i giusti strumenti per essere un passo avanti alla concorrenza 😏

Questo discorso vale soprattutto se con il turismo ci lavori: gli imprenditori, i gestori di hotel, gli agenti immobiliari... non possono permettersi di rimanere indietro.


BLOG DEDICATO AGLI AFFITTI BREVI
👇👇👇

migliori siti per pubblicizzare casa vacanze

Se vuoi leggerlo, inizia da questo articolo:

Conosci una persona che avrebbe utilità a leggere questa pagina?
Be... condividila con lui-lei-loro, schiacciando il tuo tasto social preferito o mandandogliela via email-Whatsapp. 
Aiuti i tuoi amici e faresti un piacere anche a me. Grazie 😊

Aggiornato Settembre 2020
Moira Tips

43 commenti:

Fulvio Romano ha detto...

Gentile Moira, grazie ancora una volta per i tuoi consigli e per le tue ponderate analisi, nonché giudizi... Volevo sapere da te se il servizio fornito da Owners Direct è dello stesso livello di quello fornito da Airbnb. Te lo chiedo perché ho fatto un'incisione anche in Wimdu e TripAdvisor ma la mia casa (Ponente ligure, borgo medioevale a 6 km dal mare) evidentemente non era attrattiva per i loro clienti. Lo era invece per Airbnb che mi ha portato diversi ospiti. Con Booking ho avuto una paio di falsi allarmi, poi un prenotazione quest'anno... Mentre Airbnb mi sta dando abbastanza ... Ma è la formula di Airbnb che mi soddisfa e, finora, anche la "filosofia" dei suoi "utenti"... Owners com'è? più come bnb o come booking? Tra parentesi: ieri ho ricevuto da airbnb il rilevatore fumi richiesto su tua indicazione... Grazie! Fulvio

Moira Tips ha detto...

Ciao Fulvio,
Airbnb è il primo sito che consiglio a chi si avvicina per la prima volta al mondo degli " affitti casa" soprattutto se fatto in modo NON imprenditoriale.

Avere casa su questo sito è fortemente consigliato.

Tuttavia esplorare altri canali è giusto in modo da valutare e scoprire qualche " perla" nascosta.

Wimdu e tripadvisor purtroppo non convertono molto. Non è un problema di casa tua io affitto bene su altri canali ma non su i 2 citati.

Un paio d'anni fa affittavo benissino su holiday lettings ma purtroppo poi il sito è stato assorbito da tripadvisor rental con effetti devastanti. Mai più ricevuto prenotazioni.

Booking non mi fa impazzire. Lo consiglio solo a chi gestisce hotel, b&b, affittacamere...

Owners direct è un sito da cui ricevo diverse prenotazioni ed è più simile ad Airbnb che a Booking (24h per accettare prenotazioni e i turisti possono scriverti). Il pubblico è prettamente inglese con visibilità europea per cui potresti provare visto che la Liguria di ponente piace (sono da poco stata a Loano, baia dei saraceni, finalborgo... Stranieri ce n'erano).

Copia l'annuncio di airbnb per fare più veloce rigorosamente in lingua inglese. Se pensi di non riuscire a gestire tutti questi annunci togli pure wimdu o/e tripadvisor se non convertono.

Una prova su owner la farei, tanto l'iscrizione è gratuita,se non converte non ci perdi niente se non il tempo per creare la pagina.

Mi fa piacere che hai seguito i miei consigli e ti sei portato a casa un rilevatore di monossido di carbonio forma free ;)

Buon business

Unknown ha detto...

Salve Moira
Sono un piccolo imprenditore con 2 strutture che comprendono 8 + 14 camerette in una zona interna dell'Emilia Romagna.
Erano frequentate fino a qualche anno fa da lavoratori passeggeri infrasettimanali.
Ora come puoi immaginare la crisi ha fermato tutto o quasi.
Si trova a 30 minuti da Ravenna, 40 da mirabilandia a 50 km da Bologna e appennini vari....ha il ristorante tipico con piatti personalizzati modello accattivanti,partnership con aziende vinicole e produttori di prodotti tipici, ed e' a gestione famigliare.
Pensi ci sia qualche sbocco di crescita sui siti da te menzionati? Ti ringrazio per l'attenzione e complimenti per i tuoi suggerimenti molto utili.
Gianni

Moira Tips ha detto...

Buon pomeriggio Gianni,
La mia risposta è:
Sì. Non c'è solo qualche sbocco di crescita ma è l'unica via possibile. Oggi tutto si svolge via web e non esserci è un suicidio.

Inizia oggi stesso mettendo le tue strutture su Booking ma tieni un paio di camere libere da mettere su Airbnb (e altri siti sopra elencati) in cui ti promuoverai come affittacamere /B&B e punta sul business dei viaggi enogastronomici.
Metti foto dei tuoi migliori piatti, organizza tour, visite guidate nelle aziende dei tuoi partner...

Il tuo target di clientela non viene per la posizione, chiaramente, ma devi attrarla per quello che offri che nel tuo caso è scoprire la ricchezza più grande d'Italia: i suoi prodotti (vino, piatti tipici regionali...).

Promuoviti anche su Airbnb Experiences quando sarà accessibile nella tua regione: http://www.latanadelserpente.it/2017/01/Airbnb-Experiences-Italia.html

Crea un blog/pagina Facebook per farti conoscere. Promuovi il territorio, i prodotti, i tuoi piatti, fatti conoscere sui mercati esteri (non ti immagini quanti stranieri verrebbero). Metti la struttura su più siti possibili noti e meno noti.
Direi che in 1 anno potresti già vedere degli ottimi risultati che possono solo che migliorare con la giusta strategia.

Buon business!

Unknown ha detto...

Ciao Moira,
mi sei già stata utile un mesetto fa e richiedo a te un'info dato che in Comune non riesco a mettermi in contatto.
Io ho un appartamento a Milano che sto per affittare per periodi brevi (stile privato non imprenditore per intenderci)...ma la tassa di soggiorno? La devo far pagare anche se non ho un'attività? Spero che la risposta sia negativa altrimenti mi dirai sicuramente di sentire in Comune e già qui mi viene la grattarola...lol
Grazie ancora.
Norina

Moira Tips ha detto...

Ciao Norina,
Sì nelle grandi città credo proprio che sia necessaria la tassa di soggiorno anche se affitti tramite Airbnb in modo non imprenditoriale.
Per comodità si farà tutto per via telematica credo.

Ti lascio questo link per approfondire:
https://www.checkincheckoutfacile.com/domande-frequenti/tassa-di-soggiorno-al-comune-di-milano/

Bye Bye

Paola R. ha detto...

Ciao Moira,
ho un appartamento che da circa un mese ho pubblicato su Booking, Airbnb, Homaway, Tripadvisor, Wimdu. Fino ad ora ho avuto molte prenotazioni solo da Booking e 1 prenotazione su Airbnb e ho letto con molto interesse le tue dritte sulla pubblicazione di annunci sui vari OTA, ma una cosa ancora non mi e' chiara: ho inserito le stesse tariffe su tutti i siti credendo che fosse un mio dovere per rispetto delle varie piattaforme, ma invece mi accorgo che molti proprietari diversificano i prezzi. Posso inserire dei prezzi diversi senza che gli OTA rivendichino qualche diritto di parita' di prezzo? Atraveo per esempio fa accettare una clausola che vieta di pubblicare l'annuncio in altri siti a prezzi superiori a quello inserito nel loro. Grazie Paola

Moira Tips ha detto...

Ciao Paola,
L'articolo 50 del Ddl Concorrenza, vieta l'imposizione della clausola di Rate Parity nei contratti tra le OTA. Tutti i siti che hai menzionato: Booking, Airbnb, Homaway, Tripadvisor, Wimdu, NON richiedono nessuna clausola restrittiva per cui puoi e devi mettere prezzi diversi.
Dico devi perché ogni sito decurta una percentuale diversa (chi 6% chi 15% in su) per cui se vuoi guadagnare la stessa cifra devi per forza impostare prezzi diversi.

Booking.com ha abolito la rata parity da tempo e gli altri siti non credo l'abbiano mai adottata per cui, se NON menzionato nel contratto, sentiti libera di scegliere il prezzo che più ti conviene.

Buona serata.

massimo ha detto...

ciao Moira,
sono tornato in possesso di un appartamento a Mestre (2 stanze ecc.) che per posizione e tipologia (ingresso autonomo senza vicini) ha potenzialità; la tua guida mi è stata molto utile però non mi ha risolto dei dubbi: io rientro tra quelli vogliono/devono avere una persona di fiducia che per lo meno dovrebbe occuparsi delle fasi check-in/out e pulizia; considerando che, come suggerisci tu,è probabile che "l'annuncio" sarà messo su più portali, per prima cosa: la gestione online dell'appartamento è il caso che la gestisca io sebbene io sia spesso via o c'è il rischio di disguidi vari? se sì, è meglio stabilire una cifra fissa per ogni permanenza a prescindere dalla durata della stessa visto che il lavoro da compiere è sempre più o meno lo stesso? quale potrebbe essere un giusto compenso? e come "inquadrare" il,diciamo,co-host? ti risultano esserci delle specie di scritture private in questo senso?
altra questione: mi sembra di aver capito che gestisci anche l'aspetto online di alcuni(?) appartamenti per conto terzi, è vero? mi interesserebbe saperne di più.
Rispetto all' opzione percentuale hai detto che non dovrebbe superare il 25%, c'è margine per qualcosa di più?
Grazie per l'attenzione
Massimo

massimo ha detto...

ciao Moira,
grazie di tutto, sei veramente gentile e spero di poter contraccambiare prima o poi se va in porto il progetto; volevo però puntualizzare che per vari problemi ,dei quali non sto qui a tediarti, non ho alternative che il co-host quindi volendosi accordare per un "forfait tutto compreso a permanenza" (check-in/out,pulizie,lavanderia,varie e eventuali) quale potrebbe essere il GIUSTO compenso, 40 Eur? 50? altra cifra?
Rispetto alle agenzie di servizi, volevo riferirti l'esperienza di un amico e cioè che l'agenzia non si "sbatteva" per niente a cercare clienti e ,dopo qualche mese di niente di niente, l'amico ha preso in mano lui la gestione degli annunci sui vari siti e guarda un pò ha cominciato a lavorare alla grande (della serie aiutati che il ciel ti aiuta, chi fa da sè...ecc.)
Buon 1° maggio
Massimo

Moira Tips ha detto...

Concordo Massimo,

nessuno penserà al tuo business meglio di come possa fare tu. Capita anche a me, la parta che gestisco io: clienti, comunicazione... le recensioni sono a 5 stelle (il massimo) su quello che delego (check-in, pulizie...) mi arrivano i voti peggiori. Però va detto che in Italia lavorano meglio che alle Canarie.

I prezzi medi richiesti in Italia per i vari servizi sono:

Check in/out:
20 € cadauno

CLEANING: da 35€

Gestione prenotazioni 150€ al mese o c'è chi chiede 5%
dell'affitto.

Così puoi farti un'idea.
Buona serata.

Anna ha detto...

Ciao Moira,complimenti per le informazioni che dai.Sto per affittare per uso turistico due stanze non mie con booking.com. Da quello che ho capito, non essendo attività professionale, non devo avere alcuna licenza, ma solo pagarci le tasse il prossimo anno e la tassa di soggiorno?Grazie.

Moira Tips ha detto...

Ciao Anna,
il discorso è un po' più complesso: dipende dalle disposizioni comunali del paese/città in cui sono site le stanze che vuoi affittare.

In zone molto turistiche (come Roma o Venezia) è necessario recarsi nel comune di competenza, o andare sul sito internet (vedi SUAR) e chiedere info dettagliate per quella regione.
Può essere che per affittare 2 stanze non ti sia chiesto altro che pagare la tassa di soggiorno e notificare i dati degli ospiti alla questura competente. A volte ci sono dei limiti di numero di notti massime durante l'anno, e di stanze, da non sforare per rientrare nella cerchia dei NON imprenditori. Dipende sempre dal comune/regione.


Per farti un'idea di quello che dico, ti linko la pagina del SUAR di Roma: https://www.comune.roma.it/pcr/it/newsview.page?contentId=NEW784633

Booking.com non è proprio il sito che consiglio per affittare delle stanze in modo non imprenditoriale meglio Airbnb.

Anche il discorso di affittare stanze non intestate a te andrebbe approfondito con un commercialista, o andando al CAF, onde evitare problemi con il fisco.

Buona giornata.

Francesca ha detto...

Buongiorno Moira,
grazie per tutte le informazioni che condivide sul blog. Mi sto avvicinando al mondo degli affitti tra privati (ho alcune stanze in una casa nelle Langhe da affittare) e per ora ho messo l'annuncio solo su airb&b. Mi incuriosiva però anche Homeaway, soprattutto per attrarre clientela inglese. Ho letto però le ultime recensioni relative a homeway (sia italiano che inglese) e tutti gli host lamentano un crollo verticale del servizio assistenza con disguidi a non finire. Considerando che sono una principiante, mi consiglierebbe comunque di tentare o lascio perdere e inizio a "farmi le ossa" con airb&b?
grazie mille per l'aiuto,
Francesca

Moira Tips ha detto...

Ciao Francesca,
avendo diverse stanze da affittare, e non solo una, il mio consiglio è quello di usare più canali di promozione.

Homeaway lo uso da anni, prima in versione abbonamento e ora in versione gratuita pay-per-booking. Non ho mai avuto bisogno di assistenza particolare (tutto risolto via email) ma direi che il meccanismo è molto simile a quello di Airbnb sia come pagamenti che come prenotazione/comunicazione. Cambia il layout ma seguendo la procedura guidata e con un po' di pratica è fattibilissimo.

Airbnb non è così semplice come si vuol far credere è piuttosto ricco di schede da riempire, si aggiorna spesso e di conseguenza bisogna stare al passo. Molti mettono un annuncio senza sapere che ci sono tante altre cose da guardare e definire.

Ti voglio rassicurare su Homeaway family: vai tranquilla.
Magari tra qualche tempo potresti anche usare booking.com, se non riempi a suffiecienza tutte le stanze.

Se hai bisogno di un articolo/guida segui questo: http://www.latanadelserpente.it/2017/02/owners-direct-Italy.html

Buon lavoro. Se ti va, tienimi aggiornata sugli sviluppi del tuo business ;)

Unknown ha detto...

Salve, sono nuovo del sito che trovo molto ben fatto..e tra qualche mese mettaro ' in affitto breve la nuova casetta acquistata . L'immobile si trova a Firenze in pieno centro .gradirei molto se qualcuno mi desse delle dritte su come evitare gli sbagli dei principianti.Grazie mille

Moira Tips ha detto...

Ciao,
bè innanzitutto inizia mettendo un annuncio su Airbnb che è il sito per eccellenza dedicato agli affitti brevi tra privati.
La dritta che posso darti è quella di non avere fretta e inserire tutte le voci richieste, curare ogni dettaglio...

Per il resto tutti i consigli utili li ho scritti sul blog e, se hai voglia di leggerli e appuntarteli, parti già avvantaggiato.

Alcuni post utili:
http://www.latanadelserpente.it/2016/08/HOME-SHARING-AIRBNB.html

Qua la lista completa: http://www.latanadelserpente.it/search/label/Airbnb
che comprende anche consigli su come arredare casa per evitare incidenti o furti ;)

Buono studio e buon business.

Marco ha detto...

Innanzitutto complimenti per il blog, che ho trovato facendo ricerche sulle varie possibilità per affittare un appartamento.

Ho letto i vari articoli presenti, ma non sono riuscito a trovare una informazione che mi interessa: quale potrebbe essere il sito più indicato per affittare un immobile in Svizzera?
Ho visto che parli di siti più indicati per trovare affittuari inglesi, francesi, spagnoli, tedeschi, olandesi, ecc. ma non ho visto nulla riguardo alla Svizzera.

Cosa consiglieresti?

Grazie

Marco

Moira Tips ha detto...

Ciao Marco, grazie.

Per affittare un immobile in svizzera punterei comunque su Airbnb e Homeaway.com /oppure Owners Direct.
Sono entrambi siti con visibilità internazionale.

Per la Svizzera vale un discorso a parte. Essendo una nazione con diversi cantoni andrebbe considerata per le lingue che si parlano più che per la nazione in se stessa quindi probabilmente chi è nel cantone francese sarà collegato ad Abritel.fr, chi nel cantone italiano visualizzerà homeaway.it e fewo.de per quello tedesco.

Per esempio, io recentemente ho ricevuto una prenotazione da uno svizzero e l'ho ricevuta per l'annuncio inserito su Owners direct mentre il turista arrivava dal canale Fewo.de.

Pensavo fosse tedesco ma una volta accettata la prenotazione ho visto i dati personali dell'ospite e ho notato che il prefisso telefonico era svizzero (+41) quindi posso confermare che c'è visibilità anche in Svizzera.

Per Airbnb idem, viene tradotto nelle varie lingue con la specifica della moneta in franchi svizzeri (CH).

Buon business!

emiliano ha detto...

Salve, volevo qualche delucidazione in merito agli affitti brevi, l appartamento che caratteristiche deve avere? c e un minimo di mq? io ho un 40 mq bilocale. Bisogna avere partita iva? come va arredato? i posti letto come vanno disposti, anche in salotto oltre che in camera? grazie

Moira Tips ha detto...

Ciao Emiliano,
per le caratteristiche dell'immobile da affittare, letti per mq, massimo consentiti... prendi spunto qui: http://www.latanadelserpente.it/2016/09/normativa-affitti-brevi-Milano-lombardia.html

La partita Iva non è necessaria se intendi affittare sporadicamente un immobile. info dichiarazione redditi, qui: http://www.latanadelserpente.it/2016/04/locazioni-brevi-dichiarazione-redditi.html

altri utili articoli:
http://www.latanadelserpente.it/2015/01/crea-la-tua-rendita-extra-.html
http://www.latanadelserpente.it/2017/04/come-allestire-una-casa-vacanze.html

Buona serata.

Anonimo ha detto...

Una domanda: ho visitato Homestay, molto interessante ma non so se la mia casa è adatta: è situata in campagna a 15 metri dalla mia abitazione; anche se siamo spesso presenti (in tutto è un'azienda dove ci vivono 15 persone compresi i bambini), la mia famiglia non vive all'interno della casa per gli ospiti. Diamo suggerimenti, aiutiamo, l'invitiamo ad almeno una cena ma poi finisce lì. Ritieni che possa andare oppure no?

Per la mia locazione breve, ho optato per la cedolare secca. In tal caso alle piattaforme online, devo pagare l'IVA?
Grazie, un saluto Angy

Moira Tips ha detto...

Ciao Angy,
Homestay è un sito minore per cui non aspettarti chissà quante prenotazioni ad ogni modo se nella descrizione dell'annuncio specifichi bene ciò che un ospite può trovare e aspettarsi (così come lo hai spiegato a me) sta poi alla persona decidere se accettare o meno. L'importante è la chiarezza.

Per ciò che riguarda l'Iva immagino parli quella del 22% che viene tolta dai vari siti.

Non hai scelta. Te la fanno pagare non è facoltativa. L'Iva è applicata ad ogni servizio come quando vai a fare la spesa, vai dalla parrucchiera o quant'altro.
Viene applicata sulla percentuale del costo di servizio che sarebbe la cifra che paghi ai vari siti (per Airbnb è il 3%).

Facciamo un esempio:
affitti casa a 1000€, il 3% di 1000 euro è 30 euro a cui verrà applicata l'iva al 22% (al 30€ e non al 1000€). Per cui pagherai di % 30€ + 6,6euro= 36,6€ che andranno detratti dai 1000€ di affitto.

La cifra guadagnata poi dovrai dichiararla e se opterai, in sede di dichiarazione dei redditi, di avvalerti della cedolare secca pagherai il 21% di tasse.
1000€ meno 210€ di tasse.

Spero di essermi spiegata.
Un saluto.

cinemy ha detto...

Ciao Moira
Grazie mille per tutti i tuoi suggerimenti e consigli: super utili e graditissimi! Ho una domanda: poiché abito in una zona dove vengono a villeggiare molti danesi in particolare, conosci qualche sito specifico dove poter mettere un annuncio? Altrimenti, cosa mi consigli? Grazie in anticipo

Moira Tips ha detto...

Ciao Cinemy,
io ho avuto diversi ospiti Danesi. Il trucco è usare siti come Homeaway e Airbnb e inserire una descrizione corta in danese nell'apposita pagina dedicata alle traduzione dell'annuncio. Non è necessario scrivere un annuncio lungo. Sembra superfluo ma funziona. Aiutati con google Traduttore ;)

Giuseppe ha detto...

Ciao Moira, complimenti per il blog, ti scrivo perchè io affitto appartamenti in Sicilia, attualmente sono solo su Homelidays.it con abbonamento annuale e ho ricevuto solo 44 contatti e di questi un 15 prenotazioni però solo di ospiti italini, da quest'anno ho voluto mettermi su Airbnb, ho provato a seguire i tuoi consigli registrarmi anche sui partner della famiglia homeaway.com e ownersdirect.co.uk e fare il doppio annuncio per ricevere prenotazioni da inglesi dato che qui ne vengono in tanti come i tedeschi ma praticamente mi dice che non è possibile accedere e devo fare l'iscrizione con un altro contatto totalmente diverso, quindi mi consigli di procedere a fare l'iscrizione sui siti della famiglia homeaway.com da capo con un email diversa da quella mia? grazie mille

Moira Tips ha detto...

Ciao Giuseppe,
Io ho 2 siti homeaway.it e Owners direct e uso 2 email diverse. Non direi di eccedere oltre i 2 profili. Io li ho salvati tra i "preferiti" su PC e accedo all'uno e all'altro a seconda del bisogno, facilmente.

Su Airbnb ti posso dare una "dritta" aggiungi nella pagina dedicata una versione corta del tuo annuncio in tedesco e francese, oltre l'inglese e l'italiano (aiutati con google traduttore se non sai queste lingue). Ti posso dire che questo fattore potrebbe portare qualche contatto "estero" in più.

Buon lavoro!

Unknown ha detto...

Ciao Moira, molto utili i tuoi consigli, una sola domanda, ma per postare annunci indipendenti sulle piattaforme homelidays hai dovuto creare tutti account differenti? come gestisci tutti quegli indirizzi email?

grazie
Marco

Moira Tips ha detto...

Ciao Marco,
si può usare la stessa email se metti un annuncio su portali diversi come : booking, airbnb, Homeaway... quello che cambio per motivi di sicurezza è la password. Se invece devi aprire più account sulla stessa piattaforma allora sì uso mail diverse. Gli indirizzi email li gestisco comodamente facendoli arrivare tutti in una stessa cartella. Si può fare su gmail, yahoo, libero... lo spiegano bene qui: https://goo.gl/uZKnyF

Buon lavoro ;)

Unknown ha detto...

Ciao Moira. Grazie per i tuoi utilissimi consigli!!! Ho iniziato a seguirti anche prima di affittare il mio appartamento. Volevo un tuo parere (solamente se hai tempo e il piacere)sul mio annuncio. Ti sarò molto grata per qualsiasi consiglio. https://www.airbnb.it/rooms/29778525?adults=2&toddlers=0&check_in=2019-01-22&check_out=2019-01-24&guests=1&s=bUdvkNh5

Moira Tips ha detto...

Ciao Anna... ma... noto che non è stata pubblicata la risposta ad ogni modo ho visto il tuo monolocale e direi che non hai bisogno di consigli: tutti i tuoi ospiti hanno lasciato ottime recensioni, le foto sono belle (magari, volendo essere pignoli, toglierei qualche doppione del letto)e le prenotazioni ci sono per cui... brava! Ottimo lavoro ;)

cashflowfoggia ha detto...

Salve se volessi intraprendere l'attività di gestione di alcuni immobili quali requisiti dovrei avere? Come funziona quanto dovrei chiedere al proprietario? Come funziona con le tasse da pagare, il 21%, ?

grazie per la risposta.

Roberto

Moira Tips ha detto...

Ciao Roberto,
ho scritto un articolo abbastanza esaustivo sull'argomento, lo puoi leggere qui: https://www.casaconsigli.com/2019/01/fare-co-host-compensi.html
Buona giornata

angelo ha detto...

Ciao Moira,
volevo chiederti cosa ne pensi dei cd. canali opachi e relative tariffe promosse da Expedia, su cui ho da poco inserito la mia struttura.
In particolare non riesco a capire se per una casa vacanze valga la pena di provare una strategia del genere.

Un saluto cordiale,
-angelo

Moira Tips ha detto...

Ciao Angelo,
non so quanto vita possano avere le tariffe opache di Expedia poiché l'antitrust ha già contestato alcune cose ad Airbnb il quale ha dovuto fare chiarezza, alla commissione Europea, sulle sue clausole contrattuali per una maggiore trasparenza dei prezzi. Quindi...

Ero finita nel canale di Expedia quando avevo l'annuncio su Homeaway (solo all'inizio quando Homeaway è stata acquisita da Expedia, successivamente si poteva scegliere se aderire o meno alzando la commissione).
Non me ne hanno parlato bene (host che hanno aderito) e personalmente non consiglio questo canale per promuovere una casa vacanza.

In caso tu avrai un riscontro positivo, posta pure la tua esperienza, se ti va. Buon lavoro.

angelo ha detto...

Moira,
molte grazie per avermi ragguagliato sulla faccenda.
A questo punto credo che non aderirò al programma "canali opachi", non fosse altro che - da quello che ho capito oggi consultando vari blog - significherebbe acquisire (forse) più clienti ma a prezzi superscontati. In pratica sul medio-lungo periodo ci guadagnerebbe solo Expedia e tra l'altro mi precluderei eventuali maggiori introiti dalle altre piattaforme dove sono presente.

Circa la mia esperienza con Expedia ti racconto a seguire il come e il perché.
All'inizio di luglio mio padre, nel panico perché a due mesi dall'inizio dell'attività era arrivata solo una prenotazione da una delle due OTA più note, ha partecipato ad un seminario di Expedia che in quelle settimane stava girando la Sicilia (a sentir loro hanno deciso di allargare il focus a case vacanza e B&B). Io stavo in vacanza in Sardegna e l'idea di dovermi sbattere al ritorno per pubblicare la struttura su un ulteriore sito proprio non mi andava giù. Alla fine, tra varie incazzature dovute all'enorme farraginosità della procedura di iscrizione, ho completato l'iscrizione più per far contento lui che per convinzione.
Quindi, come primo avviso ai naviganti, direi subito che l'iscrizione è un enorme rottura di balls: per nulla intuitiva, sia come interfaccia grafica sia come terminologia utilizzata nei menu, tipica di un hotel, e con un customer service lento e anch'esso farraginoso. Per intenderci Booking e Airbnb (soprattutto) stanno su un altro livello.
Secondo avviso: la gestione delle camere, delle varie opzioni ecc. è un vero casino se non sei un addetto ai lavori, ergo persona che lavora o ha lavorato negli alberghi.
D'altra parte devo dirti che dopo nemmeno 10 gg. dall'iscrizione abbiamo ricevuto la prima prenotazione da una inglese che ha pernottato 3 notti ad agosto e a prezzo quasi pieno (piccolo sconto). Da allora però non abbiamo avuto altre prenotazioni, quindi ho capito che è arrivata subito una prenotazione perché si trattava del mese di agosto.

In conclusione l'esperienza è stata finora deludente.
Per il momento rimarrò iscritto al canale, non foss'altro la fatica che mi è costata entrarci. E poi possiedono una grande potenza di fuoco (hanno in pancia vari siti stranieri).
Forse il problema è più di natura strutturale: dove vivo non c'è più il turismo di qualche anno fa...
A proposito (piccolo sfogo OT): vicino casa mia (dove abito) c'è un tizio che pur non spuntando su internet da nessuna parte ed avendo un paio di "alloggi-tugurio" continua ad avere ospiti da luglio fino ad oggi, per lo più coppie giovani; è in attività da almeno 5 anni quindi sicuramente avrà esperienza e quant'altro e manterrà prezzi sempre bassi, ma mi chiedo come c.... faccia a ricevere prenotazioni se non sta su internet! Avrà forse uno sgamo con qualche albergatore? Boh.
-angelo





Moira Tips ha detto...

Magari è su internet ma sotto mentite spoglie o ha altri canali, contatti, agenzia, un parente/amico all'ufficio turistico...

Quest'anno c'è stato un calo diffuso di prenotazioni un po' dappertutto per cui non è colpa di nessuno. Meglio puntare su i top 2: Booking e Airbnb ottimizzandoli al meglio, belle foto, servizi competitivi(esempio: wi-fi, parcheggio...) e pubblicizzarsi sulla pagina FB o Instagram per aumentare le prenotazioni dirette.

Buon lavoro.

Stefy ha detto...

Ciao Moira. Mi appresto a seguire alcuni dei tuoi utilissimi consigli. Stavo provando ad inserire un annuncio su VRBO e sulla versione inglese di HomeAway ma mi riconosce l'indirizzo email e l'account già esistente nella versione italiana. C'è qualche procedura diversa da seguire oppure è sufficiente utilizzare un altro indirizzo email e creare un nuovo annuncio? Ti ringrazio anticipatamente

Moira Tips ha detto...

Ciao Stefy,
Sì, esatto. L'unico modo è usare una mail diversa e quindi creare un annuncio ex novo, che è quello che ho fatto io. Ne bastano 2: uno in Italiano e uno in inglese (scritto totalmente in inglese, nessun dettaglio in italiano, pensato per un pubblico internazionale, con breve descrizione, cercando di rispondere ai dubbi maggiori che possono avere i turisti ). Scegli se UK o VRBO valutando l'afflusso di turisti che ci sono nella tua zona (più inglesi o statunitensi?) ma, indipendentemente dalla scelta, sarai visibile anche sull'altro canale.
Buon business!

Davide ha detto...

Ciao Moira, ho un appartamento a gran Canaria e le tue indicazioni mi sembrano veramente utili e preziose . Mi piacerebbe affittarlo ma non vorrei incorrere in multe che ho letto sono molto salate. Mi sembra che ultimamente sia stato messo a punto una procedura burocratica apparentemente abbastanza semplice per regolarizzare la propria attività di affitto di appartamenti sui siti che tutti conosciamo.
Ti chiedo cortesemente un parere in proposito, è effettivamente è una cosa semplice da fare o no? Ci sono studi di consulenza che possono fare queste pratiche per regolarizzare la propria attività per conto di un proprietario straniero non residente?
Grazie mille
Davide

Moira Tips ha detto...

Ciao Davide, esatto. Vai a questa pagina: https://www.latanadelserpente.it/2016/04/come-affittare-casa-alle-canarie.html in cui vedrai il link di "ASCAV" un'associazione in cui trovi anche consulenti e professionisti specializzati sugli affitti brevi alle Canarie. Troverai info utili per fare tutto in modo regolare. Buona serata :)

Eliana ha detto...

Ciao Moira
Io possiedo un bellissimo Casale in Toscana e per particolari ragioni vorrei affittarlo ma non con un affitto breve. Ti sottopongo questi quesiti:
1) Vorrei affittarlo per un periodo di locazione minimo di 1 anno o anche 4 anni rinnovabili. Date le dimensioni del Casale anche ad un gruppo di tre famiglie di amici che intendono a farne un uso vacanziero e non solo.(16 posti letto 5 camere con bagni)
2) Vorrei sapere se la pubblicità da farsi, comporti problemi di natura fiscale o legislativa ed, eventualmente, quali sono i meccanismi che sovrintendono a questo tipo di operazione ( varie difficoltà a cui si va incontro considerando per esempio che io ho la mia residenza nell'immobile). Gradirei che questo punto fosse chiarito esaustivamente
3) Quali possono essere i costi annuali di questa pubblicità e le varie garanzie?
4) Siccome ho deciso per due operazioni simultanee d'affitto o di vendita, potrete trovare un annuncio con tutti gli elementi per il giudizio cliccando su hello Italy,Toscana, Casale Farsanese. Nella scheda c'è una descrizione dettagliata del suddetto Casale.
5) vorrei essere sicura che inserirmi Su un portale per pubblicizzare l'operazione d'affitto sia uguale a quella della vendita. Leggo, ma forse mi sbaglio, che, per gli affitti, scattano obblighi strani per cui, sembra, si debbano denunciare alcune cose, anche se non si è ancora trovato un cliente e quindi non c'è ancora nessun contratto. Mi sembra normale che certi adempimenti, fiscali, legislativi e di qualsiasi genere, nascano in presenza di un contratto sottoscritto, e non semplicemente per aver pubblicato un semplice annuncio pubblicitario.
In attesa di una risposta Ti ringrazio e ti invio cordiali saluti
Eliana Piuri

Moira Tips ha detto...

Ciao Eliana,
direi che, per evitare errori, ti serve una consulenza da un paio di professionisti per cui, prima di iniziare la tua attività, ti suggerisco di rivolgerti sia ad commercialista che ad avvocato civilista.

L'avvocato utile per farti scrivere un contratto personalizzato che poi utilizzerai da far firmare ai vari ospiti mentre il commercialista per scegliere la giusta inquadratura (casa vacanze? Senza o con partita Iva? affittacamere ecc... da valutare anche le disposizioni regionali in materia) e spiegarti la differenza, sul piano fiscale, tra affitti inferiori e superiori ai 30 giorni con tanto di dichiarazioni da fare all'agenzia delle entrate per contratti superiori al mese.

Fatto questo, scelta la giusta inquadratura, ottenuti tutti i permessi regionali/comunali, puoi iniziare ad affittare casa tua in modo autonomo, su qualsiasi piattaforma (tra cui le varie descritte in questo articolo), pubblicizzandoti come meglio credi senza problema alcuno.

In alternativa, puoi dare mandato ad un'agenzia immobiliare sia per affittare che per vendere il tuo immobile in modo che gestiscano tutto loro e tu non debba pensare a nulla.

Buona giornata.

Yandex.Metrica