HOME RESTAURANT: Come GUADAGNARE SOLDI cucinando a casa propria

Social eating, sharing economy, creare una rendita extra: come aprire un home restaurant costi, normativa, piattaforme. Fare un'esperienza nuova mangiando a casa di persone per socializzare e fare nuove amicizie.




sharing economy
Home restaurant
Aumentare le proprie entrate, concedendosi qualche sfizio in più, diventa sempre più facile e possibile per chiunque. In questo post spiegherò come è possibile guadagnare soldi con l'home restaurant aprendo le porte della propria casa a commensali pronti a pagare per mangiare ciò che sai cucinare bene.

La sharing economy, o economia condivisa, allarga le possibilità di fare soldi mettendo a disposizione ciò che si ha: con Airbnb puoi affittare una stanza o la seconda casa. Con Uber e BlaBlaCar è possibile risparmiare soldi viaggiando quasi gratis offrendo un passaggio per dividere le spese della benzina e dell'autostrada sfruttando i posti liberi che hai in auto.
Oggi ci concentreremo su quest'altra forma di guadagno extra ma anche di socializzazione. Vediam come sfruttare questa possibilità.

Come cuoco:
  1. Cos'è un home restaurant? (home restaurant secondo la definizione della legge)
  2. Come funziona un home restaurant?
  3. Come aprire un home restaurant nel 2017
  4. HOME RESTAURANT NORMATIVA (che requisiti servono? SCIA, ASL?)
  5. Associazione Home Restaurant Italia
  6. Dove si dichiarano i redditi guadagnati con l'home restaurant?
Come commensale:
  1. Iscriversi ad una piattaforma di Social eating  (come ospite o come cuoco)
  2. Home restaurant prezzi, 
  3. Home restaurant Milano o Roma.








    Cos'è un home restaurant




    L'ultima moda che sta prendendo sempre più piede in Italia si chiama Home Restaurant e come dice la parola è un ristorante in casa.
    Se sei bravo a cucinare, e hai abbastanza spazio in casa da accogliere alcune persone, puoi pensare di guadagnare dei soldi extra proponendoti nei siti dedicati.

    • Le parti coinvolte nell'home restaurant secondo la definizione della legge:
              Home restaurant: l'attività finalizzata alla condivisione di eventi enogastronomici esercitata da persone fisiche all'interno delle unità immobiliari ad uso abitativo in cui abbiano la residenza o il domicilio, proprie o appartenenti a un soggetto terzo, per il tramite di piattaforme digitali che mettono in contatto gli utenti anche a titolo gratuito, e con preparazione dei pasti all'interno delle strutture medesime;

              Gestore: il soggetto che gestisce la piattaforma digitale finalizzata all'organizzazione di eventi enogastronomici;

              Utente operatore cuoco: il soggetto che attraverso la piattaforma digitale svolge l'attività di home restaurant;

              Utente fruitore: il soggetto che attraverso la piattaforma digitale utilizza il servizio di home restaurant condiviso dall'utente operatore cuoco.





    Come funziona un home restaurant 2016




     I passi da seguire per ospitare a casa tua commensali sono i seguenti:
    1. Ti iscrivi alle piattaforme di social eating gratuitamente,
    2. Carichi i dati richiesti (nome, cognome, numero di telefono e indirizzo e-mail...),
    3. Proponi un menù, 
    4. Indichi il numero massimo di persone accettate,
    5. Indichi il giorno deciso per l'evento,
    6. Scrivi il prezzo una descrizione del tuo evento... e aspetti le iscrizioni.

    Cuoco a domicilio
    Foto di profili su Gnammo: un sito dedicato alla promozione dell'home restaurant

    L'attività di ristorazione in abitazione privata è un'attività saltuaria che puoi integrare con la tua attività lavorativa o gli impegni personali. Hai la piena libertà di invitare degli ospiti paganti conosciuti in rete, quando puoi o vuoi. Magari solo di sabato sera, una volta al mese o solo in estate. Per esempio se hai un bel giardino puoi organizzare una "tavolata all'aperto" durante i mesi estivi e conoscere persone nuove della tua zona ma anche dei turisti di passaggio.




    Come aprire un home restaurant 2017




    Tutte queste forme di condivisione e guadagno alternativo non sono viste di buon occhio dai vari professionisti del mestiere: gli albergatori contro Airbnb e i ristoratori contro l'Home Restaurant.

    Proprio per questo urge una regolamentazione in modo da NON fare concorrenza sleale ai ristoratori professionisti ma offrire un prodotto diverso conoscendo i limiti tra quello che un privato può fare a casa propria rispetto ad un professionista del food che ha un'attività vera e propria.

    Vediamo nel dettaglio come sfruttare questa opportunità per aumentare le proprie entrate.




    HOME RESTAURANT NORMATIVA




    Ad oggi, anno 2016, NON esiste ancora una normativa che regoli la gestione degli Home restaurant anche se il Ministero dello sviluppo economico italiano applica all'home restaurant le stesse regole previste per la somministrazione degli alimenti e delle bevande, per cui richiederebbe l'obbligo della SCIA (il condizionale è d'obbligo visto che, ad oggi, nessun cuoco a domicilio occasionale lo fa).


    Questo contrasta con quello che sostengono i gestori dei siti di social eating i quali ribadiscono che NON esista ancora una normativa specifica e ufficiale per l'home restaurant: invitare sconosciuti a casa propria, conosciuti su internet, NON ha nessun tipo di obbligo.

    • NO partita IVA (L'apertura è obbligatoria SOLO dopo aver superato il tetto limite dei 5000€ annui), 
    • Nessuna presentazione Scia, 
    • Non deve adempiere alla normativa sull'Haccp o iscrizione alla camera di commercio, 
    • Nessuna notifica all'ASL: chi va negli home restaurant, lo fa a proprio rischio e pericolo...) 

    MA tutto questo potrebbe avere un termine nei prossimi mesi.


    Recentemente è stata presentata una proposta di legge per disciplinare l'attività di ristorazione in abitazione privata.
    Se fossero accettati tutti i punti della proposta, e passasse come legge, per ospitare gente a casa tua, ai fini di guadagnare soldi, dovrai rispettare questi punti:

    1. Registrazione obbligatoria alle piattaforme di home restaurant per poter esercitare.

    Le prenotazioni devono avvenire solo attraverso queste piattaforme che si interesseranno di riscuotere i pagamenti che avverranno solo online con strumenti elettronici in modo da avere una tracciabilità dei pagamenti. 
    Quello che già succede con Airbnb. 

    2. Stipulare le dovute assicurazioni per tutelare l'abitazione privata e te stesso "il cuoco" dai danni derivati dallo svolgimento di questa attività (responsabilità civile verso terzi). 
    I problemi sono rari ma è il caso di tutelarsi da denunce varie: somministrazione di cibo avariato, malessere del commensale, cliente che inciampa, scivola a casa tua e si rompe una gamba. Sono esempi estremi ma da mettere in conto.

    3. Rispettare i requisiti igienico sanitari: devi accogliere i commensali in un'abitazione privata che soddisfi i requisiti a norma di legge. 
    Non solo la casa dev'essere pulita ma accertati di poter fornire anche un bagno che, al bisogno, il commensale potrà usare.

    4. Non assumere personale esterno. Solo tu o i componenti del tuo nucleo famigliare possono aiutarti in quest'attività saltuaria.

    5. Tetto massimo di coperti e di guadagno: 500 ospiti l'anno per un guadagno massimo di 5000 euro annui.
    Per capirci faccio un esempio estremo: se organizzi una cena con 10 commensali e ognuno di essi paga 500 euro a testa, per quell'anno solare non puoi più praticare quest'attività occasionale anche se non hai superato il tetto massimo di 500 coperti. 

    7. SCIA: Segnalazione di inizio attività presso il comune competente. NON è invece necessaria l'iscrizione al registro degli esercenti commerciali.


    8. Conoscenza e rispetto delle buone pratiche di lavorazione e di igiene di carattere generale (HACCP, GMP (good manufacturing practice) e le GHP (good hygiene practice).

    Le GMP e le GHP costituiscono i requisiti igienico-sanitari e di fabbricazione minimi, necessari per garantire la sicurezza alimentare.

    9. Comunicare all'ASL di riferimento l'ora e il luogo di ogni evento organizzato. 
    Tranquillo non devi andare all'Asl ogni volta che inviti degli ospiti paganti ma funziona pressapoco come la segnalazione degli ospiti extracomunitari alla questura attraverso delle forme di comunicazione semplificate (quindi via internet). Questa segnalazione va fatta al fine di consentire l'eventuale svolgimento di controlli sanitari.

    DA SAPERE
    ⇨ C'è una clausola discriminante che non farà felici i gestori di B&B o gli host di Airbnb: L'attività di home restaurant NON può essere esercitata nelle unità immobiliari ad uso abitativo in cui sono esercitate attività turistico-ricettive in forma NON imprenditoriale o attività di locazione per periodi di durata inferiore a trenta giorni.


    Prima che le normativa scritta sopra diventi legge, o diventino chiari i termini per invitare ospiti paganti a casa propria, puoi provare ad organizzare una cena o un aperitivo pagante, come cuoco a domicilio, senza perderti in cavilli burocratici ma prima ti consiglio di provare questa esperienza dal lato "ospite" per vedere cosa comporta organizzare una cena per un gruppo di sconosciuti a casa propria (Ti sto suggerendo spudoratamente di andare a spiare il cuoco di casa 😏.)

    L'iscrizione ai siti dedicati è consigliata per via della maggiore visibilità ma, prima che la proposta diventi legge, puoi trovare clienti anche aprendo semplicemente una pagina Facebook o un blog.






      Come avere successo in qualità di cuoco di un Home Restaurant?



      La formula magica è differenziarsi.
      Sono molto ricercati i cuochi che offrono cibo genuino, di qualità, menu tematici... magari prendendo le materie prime nel proprio orto, che propongano piatti innovativi, originali o rivisitazioni di piatti tradizionali.

      Se vivi in città turistiche puoi attrarre commensali di qualsiasi nazionalità solo proponendo e facendo conoscere i piatti tipici della tradizione regionale italiana.

      Se ti interessa rimanere aggiornato su questa possibilità di guadagno puoi seguire gli sviluppi sulle pagine Facebook dedicate...


      Associazione Home Restaurant Italia
      • https://www.facebook.com/HomeRestaurantIT/
      • https://www.facebook.com/groups/homerestaurantitalia/
      Visto che ci sei, segui anche gli aggiornamenti del blog sulla mia pagina Facebook 😉






      Home restaurant: normativa fiscale per l'attività di home food



      Come tutti i redditi di attività svolte in modo NON imprenditoriale non è necessario aprire partita Iva (almeno che non si superi la cifra di 5000€ annui) ma rimane l'obbligo di dichiarare i guadagni durante la dichiarazione dei redditi annuale.

      È necessario:

      1. Trattiene le ricevute rilasciate ad ogni ospite.
      2. Trattiene le ricevute della merce acquistata per preparare le cene/pranzi per i tuoi ospiti.


      FISCO: Dove si dichiarano i redditi guadagnati con l'home restaurant?

      La somma delle ricevute dei soldi incassati, sottratti del costo delle spese documentate, vanno dichiarate nel quadro RL del modello unico.


      Scarica il Pdf della ricevuta da rilasciare ad ogni cliente:





      PARTECIPARE come COMMENSALE


      Ora che abbiamo visto come avviare un Home Restaurant passiamo dalla parte dell'ospite e vediamo quanto costa e come partecipare ad un evento. 


      Home restaurant prezzi


      I prezzi variano da 10 euro fino a 75€ attestandosi su una media di 30-40€ a seconda che l'host cuoco prepari un aperitivo, una merenda o una vera e propria cena.



      Come iscriversi ad un sito di Home Restaurant



      L'iscrizione è gratuita. Puoi decidere se ospitare o essere il commensale.
      Come cuoco, che ha inserito un annuncio sul sito di social eating, ti sarà trattenuta una percentuale dalla quota pagata dal tuo ospite (solitamente 10-15%).
      Alcuni siti invece non decurtano una percentuale sull'incasso al cuoco ma preferiscono chiedere una quota associativa annuale.

      Queste piattaforme online non hanno ancora raggiunto il pieno sviluppo e diverse sono in fase di creazione (start up) per cui, a seconda che la proposta di legge passi o meno, dovranno adeguarsi.
      Il gestore della piattaforma digitale dovrà accertarsi che l'host cuoco abbia tutti i requisiti in regola prima di accettare l'iscrizione e iniziare a proporre i suoi piatti. Se l'autocertificazione fornita è falsa, l'unico responsabile, ai fini penali in caso di problemi, sarà "l'utente operatore cuoco".



      Home restaurant sito



      Dove trovare siti in cui le persone ti ospitano a casa loro?

      Te ne segnalo un paio:
      • https://gnammo.com/ 
      • http://italianhomerestaurant.com/ (piattaforma gratuita)


      Home restaurant milano o Roma



      Come puoi immaginare è più facile trovare eventi in grosse città come Milano o Roma. È raro trovare eventi in provincia, o nelle città minori (ciò è positivo perché non avrai molti concorrenti).

      Non ho ancora avuto l'occasione di partecipare ad un Home Restaurant ma l'idea mi piace ed è un modo per allargare il giro delle amicizie.

      E tu? Hai esperienza riguardo l'home restaurant? Hai partecipato o organizzi eventi a casa tua?
      Beh, in caso fammelo sapere lasciando un commento qui sotto chissà che non ci incontriamo davanti ad un bel piatto di pastasciutta 😸






      Guide:
      AFFITTARE CASA PER BREVI PERIODI IN ITALIA

      Ti potrebbe interessare anche:
      Idee per creare rendite passive.

      Dicembre 2016
      Nessun commento :
      Posta un commento

      PRIMA DI LASCIARE UN COMMENTO, LEGGI QUI:
      1. Per cortesia, aggiungi almeno un nome o firmati: parlare con un "Anonimo" non è il massimo.
      2. I commenti NON sono visibili immediatamente. Devono prima essere approvati poi saranno pubblicati, entro 48h.
      3. Per ricevere le notifiche delle risposte lasciate al tuo commento spunta la voce "INVIAMI NOTIFICHE" (visibile sotto il tasto "ESCI").
      In caso non ricevessi la notifica, dopo alcuni giorni, torna a vedere se ti ho risposto.

      SPAM is blocked.

      Search Engine Yandex.Metrica